fbpx

Cancellare il passato: origini e derive del politicamente corretto

In passato, il “politicamente corretto” poteva semplicemente infastidire o far ridere. Come la neolingua orwelliana, esso mira a cambiare il significato delle parole per cambiare (e controllare) i pensieri, il che è molto più grave. Chi sono le vittime di questa vera e propria peste? Tutti. L’umorismo, le barzellette, la seconda lettura, la libertà di espressione. Il Vero e il Bene si sono definitivamente separati (non parliamo del Bello, che l’“arte contemporanea” ha già abolito). Ciò che si dice non ha bisogno di essere vero, l’essenziale è conformarsi alla dottrina dei buoni sentimenti. In questo suo intervento il filosofo e intellettuale francese Alain de Benoist spiega come una ideologia apparentemente immaginata come tutela delle minoranze e dei deboli altro non sia che una patologica dimostrazione di narcisismo.

 

Se hai voglia di leggere il resto di questo articolo e conoscere gli altri contributi, ordina il nuovo numero del nostro mensile o abbonati!

 

Visione - Un altro sguardo sul mondo

Parole Avvelenate – Visione 11/2024

15,00